La Caritas è un organismo pastorale a servizio della vita di carità di tutta la Comunità parrocchiale.

La Caritas della Parrocchia “Dio Trinità d’Amore” si è costituita nel 1986 dopo il convegno “Farsi Prossimo” di Assago, voluto dal Cardinale Martini.

Gruppo Caritas

La Caritas è un organismo pastorale a servizio della vita di carità di tutta la Comunità parrocchiale.

La Caritas  della Parrocchia “Dio Trinità d’Amore” si è costituita nel 1986 dopo il convegno “Farsi Prossimo” di Assago, voluto dal Cardinale Martini.

Ciò che dovrebbe muovere ogni operatore o corresponsabile ad agire nel gruppo Caritas è quanto detto nel Vangelo di Matteo 25-35:” Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi.......  In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me”. 

Quali sono le motivazioni personali che hanno spinto i volontari a far parte del Gruppo Caritas? Eccone alcune:

“Per me è giusto aiutare gli altri come ha fatto il buon samaritano”.

“Non posso amare Dio che è lontano se non amo il prossimo che è vicino”.

“Ho del tempo libero, mi sembra giusto aiutare gli altri”.

“Un volontario mi ha invitato a far parte del gruppo Caritas e io ho ritenuto bello donare un po’ del mio tempo ai più deboli”.

“Per me è giusto aiutare i poveri, ma non riesco a vedere in loro il volto di Cristo”.

 

OBIETTIVI DELLA CARITAS

-        sensibilizzare ed aiutare l'intera comunità a tradurre nella quotidianità il senso della Carità e dell'Amore verso il prossimo in tutte le sue forme, favorendo l’impegno, la partecipazione e l’accoglienza;

-        aprirsi ai bisogni e ai problemi che emergono nel territorio, in particolar modo alle situazioni di sofferenza, per arrivare alla condivisione con i più poveri e deboli;

-        dare attenzione e ascolto al povero come persona e non come soggetto passivo, per arrivare insieme a possibili soluzioni. Ascoltare è il primo modo per costruire una relazione;

-        dare sostegno alle famiglie in difficoltà, agli anziani, alle persone sole, agli stranieri e alla loro esigenza di integrazione, mettendo a disposizione anche alimenti e vestiti;

          -        orientare  e indirizzare le persone ai vari servizi del territorio;

-        sensibilizzare la società civile e le istituzioni sollecitando processi di inclusione delle fasce più deboli e invitandole a mettere in atto una politica a servizio del bene comune.

Clicca qui per scaricare il documento di approfondimento